Cos’È La Pesca Sostenibile?


sustainable fishing

Questa pagina può contenere link di affiliazione. Se clicchi e fai un acquisto, guadagneremo una piccola commissione, senza alcun costo aggiuntivo per te.

La pesca sostenibile significa che i pescatori pescano il pesce in modo che ci sia abbastanza pesce per la riproduzione. Gli habitat ittici dovrebbero essere ben protetti. Le pratiche sostenibili proteggono sia i pesci che le persone il cui sostentamento dipende dalla pesca.

Oceani, laghi e fiumi sono pieni di innumerevoli specie di pesci e invertebrati, ma la pesca eccessiva e i cambiamenti climatici possono esaurire queste popolazioni. La pesca è un’industria importante e una fonte di cibo vitale in tutto il mondo. Senza pratiche di pesca sostenibili, potremmo causare l’estinzione di alcune specie, la perdita di reddito e influenzare vari ecosistemi. 

Standard di pesca sostenibile

Il primo standard di pesca è che la pesca deve essere effettuata ad un livello che le permetta di andare avanti per un periodo di tempo indefinito. Per mantenere la pesca una pratica sostenibile, deve rimanere abbastanza pesce per riprodursi e riempire i laghi per la prossima stagione. Inoltre, è fondamentale che la popolazione ittica rimanga in buone condizioni di salute. La pesca sostenibile comporta anche la riduzione dell’impatto ambientale della pesca. Questo suggerisce che la pesca non deve danneggiare gli habitat di altre specie e l’ecosistema.

L’impatto della pesca non sostenibile

Pratiche non sostenibili possono seriamente esaurire le popolazioni di alcune specie. Possono anche portare alla fine a mettere in pericolo o all’estinzione di alcuni pesci. Per esempio, esamineremo come tonno rosso sono state seriamente ridotte di numero.

Il tonno rosso è considerato una delle specie ittiche più popolari tra i pescatori. La gente ama la sua deliziosa carne e spesso la consuma in forma cruda, popolarmente conosciuta come sushi. L’aumento della domanda di tonno rosso ha fatto salire i prezzi e di conseguenza i pescatori sono saltati sul carro per garantire la massima offerta ai mercati e per trarre profitto da questa tendenza. Purtroppo, questo ha seriamente minacciato la loro popolazione nell’oceano. Secondo stime recenti La popolazione di tonno rosso è stata ridotta al 21% al 29% della sua popolazione stimata nel 1970. 

Come questo sia successo è oggetto di discussione tra gli esperti di pesca e gli appassionati di ambiente. I pescatori hanno utilizzato tecniche di pesca con palangari e ciancioli per catturare il tonno rosso in abbondanza. Nella tecnica del cianciolo, una rete viene utilizzata per radunare banchi di pesci e poi inghiottirli tirando i cordini della rete. I pescatori possono raccogliere un numero enorme di pesci per scopi commerciali.

La tecnica del long-lining utilizza una lenza lunga oltre un centinaio di chilometri con migliaia di esche attaccate a piccole lenze collegate alla lenza grande. Questa lenza viene poi trascinata dalla parte posteriore di una barca. Questi metodi di pesca commerciale sono andati a beneficio di migliaia di pescatori e imprese, ma hanno anche influito negativamente sulla popolazione ittica degli oceani. 

Pratiche di pesca sostenibile

Potete comunque consumare il vostro pesce preferito senza preoccuparvi di catturarlo in futuro. Tutto quello che dovete fare è praticare e sostenere pesca sostenibile . Dovreste praticare anche una pesca consapevole delle emissioni di carbonio, come ad esempio l’uso di barche elettriche. Diversi studi suggeriscono che le specie ittiche si sono spostate verso le acque settentrionali a causa dell’aumento della temperatura dell’oceano. Questo spostamento innaturale può portare al depauperamento di alcune specie di pesci.

Può sembrare fuori luogo, ma è una buona pratica pescare eccessivamente le specie invasive in certi corsi d’acqua. Le specie invasive tendono a sovrappopolare e a danneggiare le popolazioni delle specie autoctone. La pesca delle specie invasive dà la possibilità alle specie autoctone di riprodursi e prosperare. Ad esempio, nel fiume Delaware, nel Delaware River, a testa piatta pesce gatto è un pesce invasivo che sta minacciando le specie ittiche autoctone. Potete mettere la vostra parte nella pesca sostenibile catturando la testa piatta e risparmiando gli indigeni. 

Altre pratiche sostenibili includono la pesca “catch-and-release”, o solo la cattura all’interno dell’intervallo massimo stabilito per la vostra attività di pesca. Molti corpi idrici hanno regolamenti specifici su quante di ogni specie possono essere catturate per mantenere le popolazioni prospere. Proteggete i pesci e i loro ecosistemi attraverso una pesca sostenibile!

Mathias Bader

Written by

Mathias Bader è un appassionato pescatore ed escursionista, e ama trascorrere il tempo nelle foreste selvagge. Ha avuto la fortuna di lanciare la sua lenza in laghi e fiumi. Mathias ama esplorare la natura e scrivere delle sue esperienze, raccontando storie e offrendo consigli a chiunque lo ascolti e a molte persone che non lo fanno.